LASPP è una metodologia strutturata per progettare coinvolgendo nelle decisioni i diversi attori chiave di un territorio, di una organizzazione o di un progetto. Negli ultimi anni questa dimensione è diventata un aspetto costitutivo degli interventi sostenuti finan­ziariamente dall’U.E. per la definizione di progetti di sviluppo locale.

Le tecniche del metodo La.S.P.P. (Laboratorio per la Simulazione di Progettazione Partecipata) sono uno strumento fondamentale per migliorare le attività di programmazione e progettazione e per garantire interventi efficaci e di qualità.
L’utilizzo di questo insieme di strumenti strutturati si è diffuso perché tutte le organizzazioni -nazionali ed internazionali- hanno dovuto fare i conti con la necessità di migliorare le attività di pro­grammazione, progettazione e realizzazione, garantendo la partecipa­zione di tutti gli attori-chiave coinvolti nelle diverse fasi del ciclo di vita di un intervento.

Questo processo si sviluppa su tre assunti:

1. ogni partecipante è una risorsa ed è porta­tore di idee e proposte risolutive dei problemi;
2. tutti hanno interesse a raggiungere quello obiettivo;
3. la condivisione delle decisioni induce il partecipante a modificare i suoi com­por­tamenti aumentando così l’efficacia dell’intervento e la qualità dei ri­sultati.

La matrice teorica del La.S.P.P. è complessa perché è il risultato di una pluralità di ap­porti disciplinari tra cui la pedagogia, l’antropologia, la psicologia umanistica e di comu­nità. Con questa ultima il Laboratorio ha in comune le caratteristiche dell’attenzione allo “Star bene” della “persona” privilegiando una visione pedagogica, pragmatica ed ecologica della situazione. Per questo aspetto si fa riferimento ai modelli comunicativi rogersiani, psicodinamici e transazionali.
Il tutto è inserito in una cornice sistemica che parte dalla teo­ria dei sistemi e dell’elaborazione del pensiero di GREGORY BATESON che analizza l’influenza che il singolo (persona o ente) esercita nell’insieme complesso di un sistema organizzato.

La Scuola, in collaborazione con la lead partner OPRA formazione, ha condotto le attività di “Laboratorio di Simulazione per la progettazione partecipata” in progetti di sviluppo locale e ambientale a favore degli enti locali (Agenda 21 locale, Interreg Wetlands 2), oltre che nella gestione e coordinamento di progetti complessi di elevato peso scientifico.

 

 
 

Foto Rassegna StampaLink

Foto Rassegna Stampa Link

Cerca Alumnia My Aforisma

Contattaci Faq Lavora con noi